Pages Menu
TwitterRssFacebook
Categories Menu

Posted by on Nov 16, 2017 in Blog | 2 comments

La nuova pista ciclabile: un’opera che cambierà il volto della nostra Città

La nuova pista ciclabile: un’opera che cambierà il volto della nostra Città

 

“Gli uffici Lavori Pubblici del Comune, con dirigenti e dipendenti, l’assessore Abbo e l’assessore Fresia hanno lavorato due mesi, sono stati presi per pazzi ma hanno partorito un progetto che è stato inviato al Ministero, dove ha colto la curiosità e l’interesse del governo, recuperando un finanziamento di 18 milioni di euro.

Il finanziamento riguarda  un’opera che cambierà il volto della nostra città, perchè una volta realizzato sarà la prima ristrutturazione urbanistica di Imperia  dal 1900 a oggi. Dopo 120 anni la nostra città è rimasta, sotto questo profilo, pressoché uguale. Consultando le foto storiche si vedrebbe come, soprattutto in termini di strade,  la nostra città è esattamente come nel 1920, epoca in cui però cirvolavano forse e al massimo, quattroauto e alcune carrozze.

Questo intervento non vuol dire semplicemente realizzare la pista ciclabile e riutilizzare il sedime della ex ferrovia, ma molto di più: significa cambiare la faccia della Città, cucire ciò che la ferrovia aveva tagliato, ovvero tutte le parti di Imperia che risultavano disunite.  Abbiamo pensato organizzare un evento pubblico per venerdì 24 novembre, alle ore 17 presso la biblioteca Lagorio, dove spiegheremo nel dettaglio il progetto. Saranno presenti quaderni su cui si  lasciare appunti, osservazioni e interventi. E’ un buon metodo per poter ricucire le  distanze nella Città, ma anche tra amministrazione e cittadini”.

Carlo Capacci

Già Sindaco di Imperia dal 13 Giugno 2013 al 25 Giugno 2018

2 Comments

  1. Bellissimo non vediamo l ora

  2. hO LASCIATO PORTO 65 ANNI FA. DOPO AVER TENTATO INVANO DI TROVARE UN ACCETTABILE LAVORO DA CHIMICO. Ho girato Italia e un bel po’ di mondo e 25 anni fa ho riacquistato seconda casa in barbarossa. Amo troppo il mio paesello e soffro quando vedo quanti passi indietro ha fatto : perdita delle sue attività industriali, costruzioni dappertutto, costruire e non terminare un porto che ha praticamente distrutto quell’unicum che era il golfo di Imperia.
    La ringrazio e l’ammiro per aver saputo realizzare alcune cose per cui si litigava da anni. Metto in testa Via Cascione pedonale, il mercato nuovo, la Marina, il ripristino della passeggiata Foce-Marina.
    Mi è spiaciuto molto che Lei si è dimesso proprio ilgiorno della ciclabile, un’opera di importanza incredibile non solo per l’andare in bici ma forse per essere l’ultimo strumento per salvare quel poco che resta della ns. riviera Ligure che io ricordo come era 50-60 ani fa: la sardegna di oggi.Ho 89 anni, vado ancora in bici e spero di arrivare in tempo per frequentarla.

    Spero veramente che Lei possa dedicare ancora il suo tempo per il mio paese!!!