Pages Menu
Categories Menu

Posted by on Dic 28, 2014 in Blog |

MULTIUTILITY COMUNALE SIAMO PRONTI

MULTIUTILITY COMUNALE SIAMO PRONTI

MULTIUTILITY COMUNALE SIAMO PRONTI

Ci è voluto un anno di duro lavoro, che si è concretizzato nelle ultime settimane nelle quali si sono svolti alcuni passaggi significativi, che delineano le strategie dell’Amministrazione in materia di riorganizzazione e semplificazione delle società partecipate, con l’accorpamento di diverse attività nella multiutility “Go Imperia Srl”.

La materia è particolarmente complessa e delicata, e l’Amministrazione ha cercato di mantenere l’equilibro fra molteplici esigenze diverse, talvolta anche contradditorie, con un quadro normativo di riferimento confuso e mutevole, e con molti contenziosi aperti da risolvere (si pensi alla vicenda Porto di Imperia e al contenzioso AMAT/ Rivieracqua). Gli obiettivi dell’Amministrazione sono stati di semplificazione e riduzione dei costi di gestione, di mantenimento dei livelli occupazionali e erogare i servizi pubblici mediante società sotto il diretto controllo del Comune.

Come noto la Go Imperia, nata dalla Imperia Yacht Srl, gestisce la banchina di Calata Cuneo del Porto di Oneglia e dal 19 luglio 2014 gestisce anche il porto turistico di Porto Maurizio, in affitto di azienda da parte del Fallimento della Porto di Imperia Spa; tale contratto è stato recentemente prorogato sino al 31 dicembre 2015, mentre la concessione demaniale alla Porto di Imperia è decaduta, ed è stato rilasciata una nuova concessione provvisoria, della durata di quattro anni, direttamente alla Go Imperia, escludendo la porzione di suolo demaniale sul quale avrebbero dovuto essere realizzate le cosiddette “opere a terra” in quanto occorre una progettazione diversa per tale lotto. Il titolo concessorio consentirà alla Go Imperia tutte le opere di manutenzione ordinaria, straordinaria ed innovazione nelle aree di sua competenza.

L’Amministrazione sta lavorando per trovare una soluzione definitiva che consenta la gestione completamente pubblica del bacino di Porto Maurizio; nel frattempo le soluzioni temporanee adottate hanno consentito la messa in sicurezza di quanto già realizzato, consentendo di continuare a fornire servizi all’utenza del porto, e consentiranno nel medio periodo anche alcuni miglioramenti nella fruizione delle strutture portuali.

Nel frattempo si sono delineati alcuni passaggi importanti anche nelle società partecipate che fanno capo ad AMAT, ovvero nella Imperia Servizi Spa e nella AST Spa; i Consigli di Amministrazione di tali società hanno infatti assunto fra il 17 ed il 20 dicembre una serie di delibere che si possono riassumere come segue.

La Imperia Servizi Spa è destinata a scomparire nei primi mesi dell’anno venturo, venendo accorpata alla Go Imperia; si procederà infatti alla scissione totale della società in due rami: la componente operativa, costituita dai parcheggi in struttura e dal servizio di gestione parcheggi su strada, confluirà nella Go Imperia mentre alla AMAT Spa verranno assegnati alcuni assets immobiliari, a compensazione della quota di partecipazione di sua competenza.

Per quanto riguarda la AST Spa, attualmente partecipata al 100% da AMAT Spa, si prevede di procedere all’acquisizione della intera partecipazione da parte del Comune, previa riduzione del capitale sociale che è eccedente alle necessità attuali del servizio; in tal modo si riuscirà a gestire un servizio delicato come la riscossione tributi mediante una società che diventerà un braccio operativo del Comune. Al momento la normativa non consente di far confluire anche questo tipo di servizio nella Go Imperia, pertanto la AST rimarrà separata; tuttavia la stessa potrà essere utilizzata per fornire servizi analoghi anche in altri Comuni della provincia, in modo da consentire una condivisione dei costi di gestione.

Infine per quanto riguarda la SERIS, l’obiettivo dell’Amministrazione è far confluire anche il servizio di mensa nella Go Imperia; l’Amministrazione sta lavorando anche su tale fronte ma con molta particolare cautela in quanto la situazione che ci si è trovati ad affrontare è particolarmente delicata per la presenza di moltissimi contratti di lavoro a tempo determinato. Sono state richiesti alcuni pareri legali in merito alla gestione del personale e la materia è particolarmente spinosa; nei prossimi mesi si ritiene tuttavia che si potranno trovare delle soluzioni definitive anche per tale società.

Il 2015 vedrà quindi nascere la Società Multiutility del Comune di Imperia destinata ad erogare Servizi Pubblici Locali per i Cittadini e i Turisti.

Carlo Capacci

Ingegnere libero pensatore, affamato di scienza e tecnologia. Già Sindaco di Imperia dal 13 Giugno 2013 al 25 Giugno 2018