Pages Menu
Categories Menu

Posted by on Set 5, 2014 in Blog |

Concessione Demaniale Porto di Imperia

Concessione Demaniale Porto di Imperia

Concessione Demaniale Porto di Imperia

 

La Giunta Municipale ha approvato in data odierna una delibera di indirizzo in attuazione di quanto approvato in Consiglio Comunale nella quale si indica il Comune di Imperia come nuovo Concessionario del Bacino Portuale di Porto Maurizio e la società Go Imperia (società in house del comune) come gestore tecnico ai sensi art. 45 Bis codice della Navigazione. Il percorso per restituire il Porto alla Città prosegue.

Ecco il testo completo della delibera :

Oggetto: Attuazione della delibera del Consiglio Comunale n. 65 del 15 luglio 2014.

 La Giunta Municipale

Premesso:

–       che a seguito del fallimento della Concessionaria Porto di Imperia SpA (sentenza 20/05/2014), il dirigente del Settore Porti e Demanio del Comune ha comunicato agli interessati con nota del 02/07/2014 l’avvio del procedimento di decadenza della concessione marittima rilasciata il 28/12/2006;

–       che il procedimento di decadenza come sopra attivato è fondato, oltre che sulla base dell’intervenuto fallimento della concessionaria, anche sulle seguenti contestazioni: a) violazione dell’art. 47, lett. b) e f) del C.N., relativamente al rilascio della garanzia ipotecaria sui servizi demaniali in favore di Acquamare S.r.l.; b) omessa corresponsione dei canoni demaniali, in riferimento all’art. 47, lett. d) del C.N., per almeno due annualità; c) mancato rispetto del termine per l’ultimazione delle opere, in riferimento all’art. 47, lett. a), b) e f) del C.N.;

Considerato che, anche sulla base delle superiori premesse, il Consiglio Comunale, con deliberazione n. 65 del 15/07/2014, ha deliberato:

1) di assumere come Servizio Pubblico Locale (SPL) la gestione, la valorizzazione e il connesso completamento delle opere dell’approdo turistico del bacino di Porto Maurizio, anche mediante eventuale variazione del progetto attuale;

2) di affidare la gestione diretta del SPL, come sopra descritto, alla società GO IMPERIA s.r.l. , in possesso di tutti i requisiti per la modalità organizzativa in house providing;

3) di autorizzare la predetta società, nel rispetto delle disposizioni e delle procedure che caratterizzano l’esercizio del controllo analogo da parte del Comune di Imperia sulla stessa società, a negoziare e concludere con il fallimento, idoneo contratto di affitto di azienda che consenta la gestione provvisoria a far data dal 18/07/2014;

4) di impegnare la propria società partecipata, per lo svolgimento a regime del servizio mediante acquisizione dell’azienda, a verificare la sostenibilità dell’operazione attraverso la predisposizione di piano industriale ed economico-finanziario del servizio pubblico locale che attesti senza alcun ragionevole dubbio la sostenibilità dell’operazione e la congruità del prezzo richiesto, anche alla stregua dell’impatto dello stesso sui vincoli di finanza pubblica e delle condizioni operative e gestionali cui sono soggette le società controllate degli enti locali; 5) di riservarsi il potere regolamentare di conformazione del servizio e del rapporto con gli utenti, secondo standards che garantiscano i principi di continuità, qualità e regolarità del servizio, con attenzione agli interessi degli attuali utenti del porto;

Rilevato che:

– successivamente, in attuazione del mandato ricevuto, GO IMPERIA S.r.l. ha sottoscritto, in data 18/07/2014, con la procedura fallimentare della società Porto Imperia, contratto di affitto d’Azienda con il quale è stato possibile proseguire l’attività, senza interruzioni, al termine dell’esercizio provvisorio autorizzato;

– il contatto di affitto ha durata fino al 31/12/2014;

– nel testo del contratto le parti si danno atto: che il Comune di Imperia, prima della stipula del contratto stesso, aveva già avviato il procedimento di decadenza della concessione demaniale; che l’esito del quale non influisce né sul canone pattuito, né sulla consistenza dell’azienda;

Ritenuto che sia opportuno, al fine di salvaguardare, in siffatta complessa vicenda, la coerenza dell’azione amministrativa del Comune, esplicitare gli indirizzi già contenuti negli atti sopra indicati e, segnatamente, nella delibera del C.C. N. 65/2014;

Rilevato:

che l’affidamento diretto del SPL di gestione del porto turistico alla società GO IMPERIA S.r.l., comporta necessariamente lo sfruttamento da parte di quest’ultima società dei beni del demanio marittimo, i quali, nella stabilita organizzazione del servizio, si pongono come “presupposto necessario e prodromico per la gestione dello stesso” (Tar Campania 5/12/2008, n.21241);

lche per tale motivo la concessione demaniale relativa a tali aree non potrà essere affidata con modalità incompatibili con la decisione di svolgere il servizio secondo il modulo organizzativo dell’in house providing, dovendo la stessa restare logicamente riservata a favore del Comune di Imperia (o della sua società in house);

Atteso che, trattandosi di deliberazione di indirizzo, ai sensi dell’articolo 49 T.U.E.L., non è richiesta l’espressione di alcun parere di regolarità tecnica;

Visto il disposto dell’articolo 134, comma 4, del T.U. 18.08.2000, n°267, che dispone l’immediata eseguibilità delle deliberazioni;

Visto lo Statuto del Comune di Imperia;

Con votazione unanime palese, sulla base di quanto sopra esposto;

Delibera

1) Di dare attuazione agli indirizzi contenuti nella deliberazione del C.C. n. 65 del 2014.

2) Di procedere, a conclusione dell’avviato procedimento di decadenza, al rilascio del nuovo titolo concessorio secondo modalità compatibili con le decisioni già assunte dal Consiglio Comunale sull’organizzazione del servizio in considerazione, riservando, conseguentemente, al Comune di Imperia l’intestazione temporanea della Concessione Demaniale Marittima sino a tutto il 31/12/2014 e, ai sensi dell’art. 45 bis del Codice della Navigazione, la gestione tecnica dei beni del demanio marittimo, relativi al porto turistico di Imperia alla Società GO IMPERIA.

3) Di memorizzare il documento originale elettronico nell’archivio documentale della Città di Imperia.

4) Di dichiarare con voti unanimi palesi la presente deliberazione immediatamente eseguibile, ai sensi dell’articolo 134, comma 4, del T.U. 18.08.2000, n°267.

Carlo Capacci

Ingegnere libero pensatore, affamato di scienza e tecnologia. Già Sindaco di Imperia dal 13 Giugno 2013 al 25 Giugno 2018