Pages Menu
Categories Menu

Posted by on Mag 1, 2014 in Blog |

Primo Maggio ad Imperia

Primo Maggio ad Imperia

Primo Maggio ad Imperia

Oggi 1 Maggio 2014 sono intervenuto  alla festa organizzata dalle rappresentanze sindacali in occasione della ricorrenza del primo maggio, festa dei lavoratori. Ho ovviamente affrontato anche il tema dell’ Agnesi.

La nostra provincia ha dei seri problemi in materia di occupazione, problemi che derivano da molteplici fattori, uno è senz’altro quello che la nostra terra è stata terra di conquista da parte di prenditori e non imprenditori che gradiremmo non vedere più percorrere le nostre strade. E di questo l’ Amministrazione Comunale che rappresento se ne farà carico per il futuro.

L’ Amministrazione Comunale è attiva per incentivare le iniziative di chi vorrà intraprendere nuove attività e quindi di conseguenza creare nuovi posti di lavoro. Abbiamo fatto già molte cose, anche piccole, per aiutare piccole attività ad iniziare e ci impegneremo nei limiti del possibile e delle nostre competenze, che non sono quelle del legislatore di Roma, per fare regolamenti e incentivare la ripresa economica. C’è poi il tema del costo del lavoro che, è noto, in Italia è molto più elevato che all’estero e questo è un problema che deve risolvere il Governo agendo sulla leva fiscale.

In ultimo la problematica dell’Agnesi. Imperia non si può permettere assolutamente di perdere lo stabilimento Agnesi. L’ho detto ieri in Consiglio Comunale, lo dico oggi qua. L’Agnesi fa parte della storia di questa città e quindi noi non permetteremo che l’Agnesi chiuda. Faremo tutto quanto in nostro potere per evitarlo. Io ieri ho lanciato una proposta in Consiglio Comunale che spero sia colta dalle persone di buon senso che abitano in questa città. Ho detto, tutti gli imprenditori imperiesi grandi e piccoli, si mettano insieme per salvare l’Agnesi. Ritengo che sia anche opportuno che si apra all’azionariato diffuso perché abbiamo esempi di questo tipo in altre realtà in Italia e all’estero. Ad esempio un caso di successo è stato quello della Chrysler negli Stati Uniti, dove i lavoratori e i sindacati hanno rilevato una grossa quota dell’azienda che stava per fallire e ora è nuovamente stabile economicamente e funziona. Io credo che in piccolo una proposta del genere, se ben studiata e se accettata dal proprietario dello stabilimento, possa essere perseguita e su questo noi ci impegneremo, mi impegnerò personalmente, per cercare di arrivare a questa conclusione. Ovviamente il pallino in mano ce l’ha il Gruppo Colussi che deve decidere cosa fare. Noi come Amministrazione Comunale abbiamo un altro pallino da giocare e glielo abbiamo già fatto presente. A seconda di come andrà a finire al posto del pastificio Agnesi ci vedremo un bel parco”.

Guarda l’ intervista rilasciata a ImperiaPost

[vimeo-master]

Centro Comunicati Stampa

0 Comments

Trackbacks/Pingbacks

  1. » Agnesi pop - […] mettere insieme una cordata di imprenditori  per comprare l’Agnesi, rilanciata anche sul suo blog, si aggiunge quella di Alfonso…